Wine & food

maggio 2013

Viewing posts from maggio , 2013

In radio con Donatella Cinelli Colombini, Adua Villa e grandi vini

Castello d'AlbolaGrandi donne del vino e le nuove tendenze dell’enoturismo saranno protagoniste della puntata di Wine Station in onda domani (sabato 1° giugno), dalle 12,10 alle 13, su Antenna Radio Esse. In compagnia di Donatella Cinelli Colombini, Francesca Fumi Cambi Gado e Adua Villa descriveremo tre diversi approcci al mondo del vino, uniti però dal tocco femminile. Con la neo Presidente dell’Orcia Doc parleremo della sfida di rilanciare la piccola e giovane denominazione che coinvolge 40 cantine in un territorio capace di attrarre quasi 2 milioni di visite all’anno. Francesca Fumi ci guiderà invece lungo un’inedita degustazione dei vini del Castello d’Albola abbinati ad antichi dipinti. Infine con la sommelier abruzzese Adua Villa presenteremo la nuova edizione di Benvenuto Vermentino, di scena a Castelnuovo Magra, alla vigilia della sua nomina come Ambasciatrice del Vermentino. Infine, tra i numerosi eventi del fine settimana con il vino grande protagonista, ecco l’edizione n° 18 di Radda nel Bicchiere: il Presidente della Pro Loco, Luciano Porciatti presenterà la fortunata rassegna che nel fine settimana vedrà protagoniste 22 cantine del Chianti Classico.

Gli antociani meglio del Dna nella tracciabilità del Brunello

Brunello di MontalcinoSembrano arrivare dagli antociani le risposte che il mondo del Brunello di Montalcino chiedeva alla scienza in termini di tracciabilità. Dal convegno odierno “Tracciabilità del Sangiovese a Montalcino: ricerche e sperimentazioni per l’identificazione dell’origine”, promosso dal Consorzio del Vino Brunello, è infatti emerso che il metodo cosiddetto degli “antociani” (e non quello del DNA come finora si pensava) è quello più efficace e sicuro per tracciare l’origine del vino contenuto in ciascuna bottiglia di Brunello. Dalle evidenze emerse è infatti il metodo del profilo antocianico, cui si affianca per una ulteriore definizione territoriale quello degli isotopi stabili, a far dormire sonni tranquilli ai produttori ma soprattutto al consumatore, indicando la presenza del vitigno in purezza. Questo metodo è risultato più attendibile rispetto a quello del DNA, che attualmente non consente risultati scientificamente riproducibili per un controllo sicuro ed esteso su tutta la produzione e soprattutto non è sufficiente a stabilire la purezza di un vino (se è cioè monovitigno nel caso del Brunello), ma solo se quel tipo di varietà (in questo caso Sangiovese) è presente, senza escludere quella di altri. Ovviamente il discorso si fa più complesso in caso di vini frutto di blend di uve. Ringraziamo innanzitutto i ricercatori che hanno contribuito, con la loro esperienza e la loro serietà, a rendere possibile questo nostro sogno, che coltiviamo da molto tempo, di individuare un metodo scientifico per la tracciabilità del vino – ha commentato il Presidente del Consorzio del Brunello di Montalcino Fabrizio Bindocci. Crediamo sia un importante risultato, non solo per il panorama italiano ma anche per il settore enologico internazionale. Il merito va tutto ai ricercatori che hanno lavorato ai progetti, ma siamo fieri e orgogliosi di aver creato un “precedente” e contribuito, anche se indirettamente, allo sviluppo di un metodo di riferimento”. Al convegno sono intervenuti anche il Presidente di Federdoc Riccardo Ricci Curbastro e Oreste Gerini in rappresentanza della Direzione Nazionale dell’ICQRF del Ministero delle Politiche Agricole, Alimentari e Forestali.

Cantine Aperte e Chianti Classico E' tra le proposte di Wine Station

cantine aperteParte da Cantine Aperte il viaggio settimanale di Wine Station all’insegna del vino e del gusto. Nella puntata di domani (sabato 25 maggio), in onda dalle 12,10 alle 13 sulle frequenze di Antenna Radio Esse (streaming e podcast qui), proporremo la Tenuta Le Velette di Orvieto come meta da raggiungere nella domenica dedicata all’evento promosso dal Movimento Turismo del Vino. Oltre mille le cantine aderenti in tutta Italia, all’insegna dell’amicizia: in compagnia di Corrado Bottai presenteremo le iniziative in programma nell’azienda umbra dove, oltre a vini autoctoni e non solo, è possibile riscoprire la tradizione a tavola con un originale ricettario che esalta i piatti di un tempo. Così come il nuovo blog firmato dal senese Nicola Natili, medico di professione, fotografo e gastronomo per passione, che ha deciso di entrare in campo contro l’omologazione del gusto, descrivendo minuziosamente ricette storiche come gli ossibuchi, il budinone senese e le crocchette di cavolo cavolfiore. Tra gli eventi da suggerire in vista dei prossimi giorni ecco due mete. Quella più vicina fa rotta nella terra del Gallo Nero, dove stanno per tornare gli appuntamenti di Chianti Classico E’, la rassegna promossa dal Consorzio a suon di eventi come Lady Food – Mister Wine; il Palio delle Massaie e Profumi di Lamole. Il Direttore Giuseppe Liberatore illustrerà tutte le iniziative dell’edizione 2013. Per chi vuole superare i confini della Toscana, sentiremo Francesca Moretti, produttrice e presidente della Strada del Franciacorta, alla vigilia di Franciacortando, la rassegna all’insegna di arte, cinema e gusto con protagoniste le bollicine Metodo Classico italiane.

Wine Station in diretta da Vino in Villa

ProseccoLa qualità certificata dalla Docg, la tutela del paesaggio e gli abbinamenti gastronomici sono stati tra gli argomenti al centro dello speciale di Wine Station, realizzato in diretta dallo splendido Castello di San Salvatore di Susegana, in provincia di Treviso, che ha ospitato la 16^ edizione di Vino in Villa, il Festival Internazionale del Conegliano Valdobbiadene con con protagonisti 65 produttori. Ai microfoni di Wine Station, in diretta su Antenna Radio Esse, il Direttore del Consorzio Giancarlo Vettorello, l’ex Presidente del Consorzio e storico produttore Franco Adami, il sommelier Paolo Basso (fresco di conquista del titolo mondiale Asi) e lo chef Luigi Ganzotto hanno sottolineato le caratteristiche del Conegliano Valdobbiadene Prosecco Superiore Docg che, dal 2009, ha virato fortemente sulla rotta della qualità con un profondo restyling della piramide qualitativa. Lo confermano i grandi numeri della denominazione che unisce i territori delwine station Veneto e del Friuli all’insegna del vitigno Glera: quasi 300 milioni di bottiglie prodotte all’anno tra le varie tipologie e un fatturato di 450 milioni di euro. Le versioni Brut, Dry ed Extra Dry (a seconda dei diversi dosaggi di zucchero), il Metodo Charmat (o Martinotti) alla base del processo produttivo e le versatilità negli abbinamenti gastronomici sono tra i segreti di un vino che piace in tutto il mondo. Come confermano le presenze degli operatori stranieri: basti pensare che all’edizione 2013 di Vino in Villa hanno partecipato oltre 60 giornalisti, di cui 40 stranieri arrivati da 20 diversi paesi del mondo. Grande curiosità, quindi, nei confronti di una Docg che si identifica in un territorio incredibile, affascinante e in cui il vigneto è assoluto protagonista. Clicca qui per la gallery fotografica dai vigneti del Prosecco.

Vino in Villa, Prosecco Superiore e Enoteca Pinchiorri protagonisti su Wine Station

Vino-in-villaAlla vigilia di Vino in Villa, il Festival Internazionale del Conegliano Valdobbiadene, è il Prosecco Superiore Docg il grande protagonista della puntata di sabato 18 maggio. Su Antenna Radio Esse saranno ospiti Innocente Nardi, Presidente del Consorzio, e Federico Capraro, Presidente dell’associazione albergatori della provincia di Treviso, per presentare la formula vincente di un evento che coinvolge oltre 100 produttori del territorio di Conegliano Valdobbiadene e cattura l’attenzione di tanti appassionati, in arrivo dall’Italia e dall’estero. Spazio anche alla storia dell’Enoteca Pinchiorri di Firenze che festeggia i 40 anni dalla nascita con il volume “Pinchiorri a due voci”. Con Giorgio Pinchiorri faremo un viaggio virtuale all’interno di un locale di eccellenza del panorama del gusto a livello internazionale, inaugurato con la moglie Annie Féolde il 10 ottobregiorgio pinchiorri 1972. Infine il Festival del Gelato, di scena a Firenze nel fine settimana: Giorgio Zanatta presenterà le nuove fantasiose proposte nel campo della gelateria, capaci di esaltare anche l’abbinamento con il mondo dell’enologia. Le colline del Prosecco, i suoi vigneti e gli abbinamenti gastronomici proposti con i “Menù di Vino in Villa”, torneranno protagonisti nella puntata speciale di Wine Station, in onda domenica 19 maggio su Antenna Radio Esse in diretta dalle 12 alle 13 dallo splendido Castello di San Salvatore a Susegana che ospita Vino in Villa.

Moreno Cedroni, Prosecco e Riesling nel menù di Wine Station

Moreno-CedroniTutte le novità del Wine Town a Firenze e lo chef Moreno Cedroni saranno al centro della nuova puntata di Wine Station, in onda domani (sabato 11 maggio) sulle frequenze di Antenna Radio Esse. Con il cuoco stellato della Madonnina del Pescatore di Senigallia parleremo di pesce povero e della sua stagionalità ma anche di “susci”, ossia la versione italiana del sushi, il tutto in coincidenza con Slow Fish di Genova che lo vede tra i protagonisti di golosi show cooking. Ad una settimana dal via di Wine Town scopriremo, in compagnia di Francesco Spanò tutti gli eventi da non perdere venerdì 17 e sabato 18 maggio a Firenze, tra seminari e degustazioni negli scorci più storici a cui è possibile prendere parte anche grazie alle Wine Card assegnate con i Wine Quiz che andranno in onda su Antenna Radio Esse. Per i consigli enologici ecco il vitigno Riesling in tutti i suoi segreti, svelati dal sommelier informatico Andrea Gori e, in vista di Vino in Villa di domenica 19 maggio nel Castello di Susegana ecco il Prosecco Superiore Docg firmato dall’azienda trevigiana Le Manzane, premiata a Vinitaly con la Gran Medaglia d’Oro. 

Il Prosecco Superiore Docg è di scena a Vino in Villa

 

Vino villa 2012Domenica 19 maggio torna Vino in Villa, il Festival Internazionale del Conegliano Valdobbiadene Prosecco Superiore all’interno dello splendido castello di San Salvatore di Susegana (in provincia di Treviso). Nella cornice di un borgo del XIII secolo, circondato dalle colline ricamate di vigneti che si estendono tra Conegliano e Valdobbiadene, si svolgerà l’evento interamente dedicato all’area storica di produzione del Prosecco, ovvero lo spumante che nasce da vigneti “fatti a mano”, con cui nei secoli l’uomo ha lavorato le pendici delle colline oggi candidate a Patrimonio Unesco.  Non solo: l’area svelerà anche il suo lato gourmet con i “Menù del Conegliano Valdobbiadene”, proposti nei ristoranti che aderiranno all’iniziativa, studiando l’abbinamento perfetto tra le bollicine di questa denominazione e i prodotti tipici della cucina veneta. Un menù messo a punto grazie anche alla collaborazione con i Jeunes Restaurateurs d’Europe, rappresentati dallo chef svizzero Silvio Galizzi. Vino in villa 2012_2Per tutto il mese di maggio, il “Menù del Conegliano Valdobbiadene” si potrà degustare in questi locali: Locanda da Condo, Locanda da Lino, Locanda Mezzo Sale, Locanda Sandi, Osteria Borgoluce, Osteria dai Mazzeri, Ristorante Al Capitello, Ristorante All’Edera, Ristorante Belvedere da Tullio, Ristorante Da Andreetta, Ristorante Da Gigetto, Ristorante Il Barco, Ristorante InContrada, Ristorante La Corte, PER Latteria Perenzin, Ristorante Salis Cibo & Vino, Trattoria Alla Cerva, Trattoria Alla Cima, Trattoria Dalla Libera, Ristorante Dobladino, Ristorante Enrica Miron. Dalle degustazioni con oltre 300 etichette ai menu speciali, dalle visite al territorio al viaggio sul web per scoprire i segreti  del Conegliano Valdobbiadene Prosecco Superiore,  Vino in Villa (in programma dalle 10 alle 22 si domenica 18 maggio) si conferma un appuntamento da non perdere al quale anche Wine Station parteciperà con una puntata speciale, in onda sabato 17 maggio dalle 12,10 alle 13, e poi una diretta dai suggestivi spazi del Castello di Susegana, dove il format sarà trasmesso dalle 12 alle 13 di domenica 18 maggio. Non solo: nei prossimi giorni arriverà anche Brindiamo in Villa l’iniziativa realizzata in collaborazione con il Consorzio del Prosecco Superiore Docg e la Conegliano Valdobbiadene Academy che metterà in palio per gli ascoltatori di Wine Station sulle frequenze di Antenna Radio Esse bottiglie di Prosecco Superiore Docg e un soggiorno per due persone a Vino in Villa per conoscere da vicino il mondo delle bollicine. Seguiteci nelle prossime puntate.

Torna Wine Town: venerdì 17 e sabato 18 maggio a Firenze

wine townTorna Wine Town a Firenze che quest’anno si tiene a maggio, esattamente venerdì 17 e sabato 18 maggio. Dodici grandi dimore storiche fiorentine apriranno i loro cortili e giardini per la quarta edizione dell’ormai consolidata manifestazione che vede l’intreccio inusuale di degustazioni di vino di qualità, concerti e spettacoli. La due giorni che inebria di gusto, profumi e musica il cuore di Firenze permette di scoprire, degustare e godere il vino di qualità, ascoltando i concerti che si concentreranno a Palazzo Pitti, Bargello e Loggia del Grano o assistendo a spettacoli teatrali di grande suggestione nei palazzi che si snodano tra via Tornabuoni, via del Proconsolo e l’Oltrarno. Tanti gli eventi in programma con iniziative adatte proprio a tutte le tipologie di appassionati: dai seminari alle serate evento, a partire da quella inaugurale in programma giovedì 16 maggio con tanti grandi chef protagonisti. Nei prossimi giorni in palio sulle frequenze di Wine Station su Antenna Radio Esse 5 Wine Card per partecipare alla quarta edizione di Wine Town. Rispondendo esattamente alle domande di cultura enologica che saranno formulate dalla redazione di Wine Station durante le dirette radiofoniche sarà possibile vincere la tessera che dà diritto alla sosta gratuita nelle strutture di Firenze Parcheggi nei giorni di venerdì 17 e sabato 18 maggio, al calice da degustazione ed a un massimo di 5 assaggi a seconda del vino scelto.

Confronto tra chef: Bruno Barbieri e Davide Scabin

bruno barbieriGli chef Bruno Barbieri e Davide Scabin sono i grandi ospiti della puntata di domani (sabato 4 maggio) di Wine Station, on air a partire dalle 12,10 sulle frequenze di Antenna Radio Esse (streaming e podcast qui). In compagnia del cuoco, giudice di MasterChef Italia, e dello chef del Combal.Zero di Rivoli, in provincia di Torino, commenteremo il fenomeno degli show televisivi dedicati alla cucina e l’esito della nuova classifica dei World’s 50 Best Restaurant. Se Barbieri, protagonista in questi giorni sulle rive del lago di Garda di Fish & Chef, è già pronto per la terza edizione del format televisivo che lo vede protagonista con i colleghi Carlo Cracco e Joe Bastianich, Scabin – inserito tra i 50 migliori ristoranti del mondo – è ora in onda su Rai Uno nel nuovo programma La Terra dei Cuochi, condotto da Antonella Clerici. Per il vino andiamo nelle Langhe, in coincidenza con la prima edizione di Grandi Langhe Docg evento che si sofferma sulle grandi denominazioni piemontesi. Non solo Barolo, però, ma anche Diano d’Alba, Dogliani e Roero Arneis: sarà Pietro Ratti, appena confermato Presidente del Consorzio Barolo Barbaresco Langhe e Roero, a presentare un terroir da veri gourmet. Infine Ginevra Pesciolini svela la nuova edizione dell’Anteprima Vini di Toscana che a Lucca presenta le etichette della costa toscana, da Grosseto a Massa, passando per Livorno e Lucca. Nel Real Collegio di Lucca sono in programma show cooking, degustazioni e laboratori fino a lunedì 6 maggio.