Wine & food

ottobre 2015

Viewing posts from ottobre , 2015

Autunno nel Chianti, con il nuovo extravergine e il ciclowine

chiantiIl nuovo extravergine d’oliva, gli itinerari di Ciclowine nel Chianti, i preparativi per il Cacciucco Day e i piatti della memoria della Toscana. La sesta puntata stagionale di Wine Station, in onda sabato 31 ottobre dalle 12,10 alle 13 su Antenna Radio Esse, si soffermerà nel Chianti per assaggiare l’olio nuovo e provare un affascinante tour ciclistico tra le vigne. Partiremo da Dievole con l’oleologo Marco Scanu con cui sarà analizzata la nuova annata dell’olio, quest’anno decisamente positiva dopo il fallimentare 2014. Il tutto proiettato a tavola, visto che domenica 1 novembre l’azienda di Vagliagli accoglierà l’Olio Day con assaggi e abbinamenti ad hoc. Andremo poi a Castelnuovo Berardenga, per girare tra le vigne con il programma di Ciclowine che propone tour enogastronomici nel cuore del Chianti in cui alternare sport e gusto. Per gli eventi da segnare in agenda, presenteremo la decima edizione del Cacciucco Day di sabato 7 novembre nello storico ristorante Da Alcide a Poggibonsi. Con Roberta Ancillotti sveleremo la formula della serata che vedrà come ospite d’eccezione Elio Orsara, chef calabrese tra i più apprezzati a Tokyo con la Locanda che porta il suo nome. Infine il focus su i piatti della memoria, raccolti dopo un divertente contest in un ebook realizzato da Vetrina Toscana per valorizzare le tradizioni della semplicità a tavola, tramite storie e aneddoti che fanno parte del patrimonio della nostra vita. Per ascoltare la puntata di Wine Station in streaming o in podcast clicca qui.

Storie di zafferano Dop in Wine Station

zafferano San GimignanoL’affascinante mondo dello zafferano Dop di San Gimignano entra in radio. Seguendo questa scia colorata di lilla, la puntata di Wine Station di sabato 24 ottobre (dalle 12,10 su Are) andrà alla scoperta della produzione della pregiata spezia: in compagnia di Tiziana Pieraccini ne descriveremo le peculiarietà, l’andamento stagionale e gli abbinamenti culinariSempre in tema di prodotti Dop e produzioni da tutelare, andremo a Firenze per condurvi in visita in un’insolita mostra che “mette in gabbia” il cibo tarocco made in Italy e in Tuscany. Alla Casa delle Eccellenze, l’Osservatorio Anticontraffazione della Camera di Commercio espone fino al 31 ottobre “I nuovi mostri a tavola”, un modo originale per far capire quanto l’italian sounding danneggi l’agroalimentare tricolore. Saremo poi nel “dietro le quinte” del certosino lavoro di un critico enologico: Gigi Brozzoni, uno dei due curatori della Guida Oro Veronelli 2016, racconterà qualche curioso aneddoto raccolto in mille degustazioni, soffermandosi su come l’Italia del vino debba cambiare marcia nella comunicazione all’estero, per riuscire a sostenere il fondamentale andamento dell’exportInfine, la gita “foriporta” ci porterà ad Artimino, in provincia di Prato. Con Annabella Pascale entreremo nell’omonima e splendida villa, un tempo riserva di caccia della famiglia de’ Medici, dove domenica 25 ottobre è in programma “Benvenuto Rugolino”, festa dedicata al primo vino che si ottiene dopo la vendemmia, con assaggi di olio nuovo, visite guidate e lezioni di cucina.

A tavola da Lino a Firenze, poi castagne e "Forchetta&Pallone"

2670291-matteo_renzi_linoLe castagne, il libro per conciliare la passione per il calcio e quella per la cucina e la tavola del Ristorante Da Lino a Firenze, una delle preferite dal Premier Matteo Renzi. Queste alcune delle portate di Wine Station di sabato 17 ottobre su Antenna Radio Esse di Siena dalle 12,10 alle 13 (in replica la sera dalle 20 alle 21) con la quarta puntata stagionale. Nei paesi del Monte Amiata è un periodo ricco di appuntamenti con le castagne protagoniste: questo fine settimana andiamo ad Arcidosso, nel versante grossetano, dove inizia la festa dedicata con assaggi, cantine aperte e ricette della tradizione. Con Lorenzo Fazzi, presidente del Consorzio della Castagne del Monte Amiata Igp, analizzeremo le caratteristiche di un’annata che si annuncia di nuovo positiva dopo l’efficace azione di contrasto dagli attacchi dell’insetto cinipide. Di vino ne parleremo con Andrea Bonini, direttore del seminario permanete dedicato a Luigi Veronelli in attesa della presentazione de “La Guida Oro I Veronelli 2016” in programma lunedì 19 ottobre a Siena con la Toscana grande protagonista tra le etichette al top. Tra le letture di gusto sfoglieremo Forchetta&Pallone”, il ricettario di sopravvivenza allo spezzatino calcistico scritto a quattro mani dal giornalista Francesco Matteini e dal cuoco Marco Romei. Un manuale utile per scegliere il piatto giusto da abbinare ad ogni tipologia di orario delle partite. E, infine, entreremo nella cucina del Ristorante Da Lino nel centro di Firenze con lo chef Nicola Dolfi per gustare i piatti della tradizione toscana e fiorentina, tra cui quelli più cari al Presidente del Consiglio Matteo Renzi, che era solito scegliere questo locale quando vestiva i panni di presidente della Provincia.

Pronti ad ungersi le mani con Gaetano Trovato su Wine Station ?

gaetano-trovatoSarà una puntata golosa, praticamente unta, la terza della nona stagione radiofonica di Wine Station on air sabato 10 ottobre su ARE dalle 12,10 alle 13 (in replica la sera dalle 20 alle 21). Ai microfoni di Cristiana Mastacchi e Giovanni Pellicci ci saranno il giornalista con il papillon, ossia Paolo Massobrio, che anticiperà formula e contenuti dell’edizione del decennale di Golosaria, in programma dal 17 al 19 ottobre a Milano, con le proposte più innovative e dinamiche dalla filiera del gusto made in Italy. Poi andremo nelle vigne di Montalcino assieme all’enologo Carlo Travagli per “assaggiare” il Brunello dell’azienda Il Grappolo, che si trova nel versante che scende verso Sant’Angelo in Colle. Per chi tra i filari ci vuole, magari, trascorrere un week end ecco l’idea di un rigenerante wine trekking da fare in Franciacorta, nell’azienda bresciana Al Rocol di Gianluigi Vimercati Castellini. Qui si abbinano la scoperta del paesaggio e della storia del territorio alla degustazione di bollicine in vigna. Infine sarà lo chef stellato Gaetano Trovato a svelare alcune delle bontà di strada che sarà possibile assaggiare alla terza edizione di “Dit’unto”, il festival del mangiare con le mani in programma domenica 11 ottobre nel suggestivo borgo di Villa a Sesta, circondato dalle vigne di Chianti Classico nel comune di Castelnuovo Berardenga.

A Villa a Sesta torna Dit'Unto e si mangia con le mani

Grafica-ditunto-232x162Domenica 11 ottobre torna a Villa a Sesta, la terza edizione del “Dit’Unto, festival del mangiar con le mani”. Un evento da veri golosi che si svolgerà nel suggestivo borgo circondato dalle vigne del Chianti Classico nel comune di Castelnuovo Berardenga, in provincia di Siena. Assaggi di cibo di strada, piatti tipici, interpretazioni gourmet fedeli al territorio o più dedite all’innovazione e alla sperimentazione. Questa la formula di un evento gettonatissimo che, lo scorso anno, ha contato oltre 5 mila presenze, 15 mila degustazioni, 90 volontari all’opera e 32 stand enogastronomici distribuiti nel piccolo borgo. L’organizzazione è genuina e fatta in casa, oltre al circolo di Villa a Sesta, sono infatti coinvolti l’azienda agricola Tattoni ed i 4 ristoranti (Osteria alla Villa, La Bottega del 30, L’Asinello ed il ristorante agriturismo la Villa di Sotto) che hanno ideato tutti insieme questa perla d’autunno. “Il nostro desiderio è quello di aumentare l’offerta in quantità ed in qualità per far crescere la festa e mantenere alto l’entusiasmo che gli da vita – spiegano gli organizzatori -. Rimangono fissi i capisaldi della manifestazione: buon cibo, artisti di strada, intrattenimenti per bambini ed adulti e la schietta ospitalità paesana. Rimane la volontà di proporre cibi più o meno tradizionali da tutta Italia: lampredotto, cecina, porchetta, arrosticini, piadina e tanti altri. Si conferma e si rilancia la volontà di stupire i partecipanti con stuzzichini d’autore: tra i grandi ospiti di quest’anno siamo felici di annunciare la presenza di grandi nomi della ristorazione italiana: la riconferma di Valeria Piccini del ristorante “Caino” di Montemerano, insieme a Mauro Uliassi (Uliassi, Senigallia), Gaetano Trovato (Arnolfo, Colle Val D’Elsa) e Cristiano Tomei (L’imbuto, Lucca)”. Il prezzo delle degustazioni rimane invariato a 3 euro per ogni assaggio, ed 1 euro per un bicchiere di vino di Villa a Sesta. “Ci teniamo moltissimo a sottolineare – concludono gli organizzatori – quanto il Dit’Unto sia una manifestazione ideata e portata avanti esclusivamente per vedere il nostro piccolo borgo tirato a lucido e pronto ad ospitare una quantità di persone, per tenerlo vivo, per avere qualcosa che possa mettere in luce l’innata ospitalità e la solare allegria che queste terre possono trasmettere. Non c’è ricavato, se non il minimo che consenta di mantenere la festa”. L’appuntamento è per domenica 11 ottobre, dalle 11 alle 22.

In viaggio sulle tavole del gusto della Toscana

biennale1Le tendenze sulle tavole toscane e l’andamento dei lavori in vigna saranno al centro del secondo appuntamento stagionale di Wine Station (sabato 3 ottobre, dalle 12,10 alle 13 su Are). Il focus sarà dedicato alla ristorazione toscana, sfogliando la guida 2016 di Repubblica Firenze che passa in rassegna oltre mille indirizzi del gusto tra botteghe, itinerari, osterie, locali gourmet e chicche sparpagliate nelle città e nei borghi della regione. Ma, vista una dinamica in costante aggiornamento, sentiremo anche la giornalista e blogger Raffaella Galamini, in compagnia della quale svilupperemo un percorso goloso partendo dalla Stazione di Santa Maria Novella, fulcro di una Firenze sempre più dedita ad gusto ricercato e non scontato. Andremo poi in vigna con l’enologo Valentino Ciarla per considerazioni e analisi su di una vendemmia ormai agli sgoccioli, da molti definita molto buona se confrontata con quella complicatissima del 2014 ma non per questo eccezionaleInfine un libro da sfogliare, sempre a tema gusto ovviamente. Si intitola “Quante storie per un menu” ed è stato scritto dai partecipanti al Laboratorio del Sonetto di Siena. La curatrice Elisabetta Casagli ci spiegherà come non si tratti di un ricettario ma di una serie di racconti sensoriali sviluppati attorno al cibo, utilizzando stili di scrittura diversi e che contemplano il giallo o la fiaba. Per seguire la puntata di Wine Station basta sintonizzare la propria radio su Antenna Radio Esse di Siena (93.5 – 93.2 – 99.10) oppure ascoltarci in streaming sul sito.